Campi fascisti

Audiodoc ha contribuito come partner al progetto I campi fascisti. Dalle guerre in Africa alla repubblica di Salò a cura di Andrea Giuseppini Roman Herzog e promosso dall’ANRP di Roma. Il progetto, cofinanziato dall’Unione Europea [Eacea, programma Citizenship Azione 4. 2009] ha visto la realizzazione di un sito web e di un audiodocumentario.

Il sito, in costante aggiornamento, rappresenta un  centro di documentazione on line sull’internamento e la prigionia come pratiche di repressione messe in atto dallo Stato italiano nel periodo che va dalla presa del potere da parte di Benito Mussolini (1922) fino alla fine della seconda guerra mondiale (1945).

L’audiodocumentario «Stavo cercando le corna e la coda, ma non le avevano». Guerra, deportazione e campi durante l’impero fascista in Etiopia  di Roman Herzog (211’43”, 2012) ricostruisce la storia dell’occupazione italiana dell’Etiopia ed è diviso in tre parti: nella prima si tratta della guerra e dei crimini commessi, nella seconda dell’internamento degli etiopi in Africa Orientale e nella terza della deportazione degli intellettuali etiopi in Italia e degli avvenimenti del dopoguerra.

Per maggiori informazioni sull’audiodocumentario e un’anteprima clicca qui

 

Con le voci degli ex-deportati etiopi Yeweinshet Beshah-Woured e Imru Zelleke, dell’archivista Mario Marino e dell’abitante di Tivoli Oreste Perini e degli storici Shiferaw Bekele, Angelo Del Boca, Ian Campbell, Filippo Focardi, Nicola Labanca, Aram Mattioli, Vincenzo Pacifici, Richard Pankhurst, Wolfgang Schieder e James Walston.

Speaker: Daria Deflorian, Vito Mancuso, Francesco La Mantia, Beniamino Marcone, Alberto Rossatti, Naike Anna Silipo, Riccardo Sinibaldi, Federico Tolardo e Fabrizio Traversa

Musica: The Touré-Raichel Collective

Regia e Realizzazione Tecnica: Roman Herzog

Produzione © 2012 Audiodoc

Durata: 211’43” – 1 CD (formato MP3)

Prezzo: € 17 Il documentario è acquistabile scrivendo a: audiodoc@audiodoc.it, roman.herzog(a)virgilio.it

Un ringraziamento molto particolare a: Andrea Giuseppini, Paul Assall, Cumbancha e The Touré-Raichel Collective, e Susanne Urban.

Nell’ambito del progetto è stato realizzato anche un audiodocumentario